Terracciano, Udogie e Cancellieri: tre talenti giovani per l’Hellas

Sono tutti stabilmente nel giro della Prima Squadra, pronti per essere lanciati da Juric

di Redazione Hellas1903

Il settore giovanile è una delle fortune dell’Hellas degli ultimi anni e continua a produrre buoni prospetti.

Uno di questi è Destiny Udogie: laterale sinistro dotato di grande spinta, Destiny (nato nel 2002) è stato selezionato dal Verona all’età di 10 anni, pescando dal Nogara. Ha attraversato, così, tutte le trafile Gialloblù e da questa stagione è stato arruolato in pianta fissa nella prima squadra. Si aspetta, quindi, un suo esordio in Serie A.

Udogie, italiano di origini nigeriane, spicca per la sua abilità nell’inserirsi palla al piede, permettendogli anche di avere un buon feeling con il gol (2 reti in 11 presenze l’anno scorso in Primavera 2). Il giovane terzino ha stupito anche in Nazionale dove ha brillato come mezz’ala sinistra nel Mondiale Under 17 del 2019. Ormai è una presenza fissa nelle selezioni azzurre, essendo stato convocato anche dall’Under 20.

Percorso simile a quello di Udogie è stato quello di Filippo Terracciano. Figlio del noto giocatore del Verona degli anni ’80 Antonio Terracciano, Filippo è un prodotto del vivaio dell’Hellas. Ha dimostrato di essere un centrocampista completo dotato di grande intelligenza calcistica oltre che di qualità. Nonostante la giovane età (è un classe 2003), è stato già chiamato l’anno scorso da Ivan Juric in prima squadra. E sta stupendo in questo inizio di stagione nella Primavera, insieme a Matteo Cancellieri (a destra nella foto Grigolini-Fotoexpress insieme a Terracciano).

Il giovane romano 18enne è arrivato come contropartita nell’affare Kumbulla e ha già mostrato le sue qualità in queste prime partite con la Primavera segnando una doppietta all’esordio contro il Pordenone. Matteo è capace di rendersi pericoloso con il suo sinistro giocando come ala destra, ma all’occorrenza può essere impiegato come ala sinistra. Ha subito attirato le attenzioni di Juric che lo ha già mandato in panchina nella trasferta di Torino contro la Juventus e poi nella gara vinta per 3-1 con il Benevento .

Tre grandi talenti che dimostrano il grande lavoro svolto dalla dirigenza gialloblù. Talenti che di sicuro non passeranno inosservati agli occhi di Juric.

ALESSIO MURGIDA

@alessio_murgida

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy