gazzanet

Tudor: “Col Venezia non sarà facile ma se andiamo forte vinciamo sempre”

Getty Images

Il tecnico gialloblù: "Potrebbe giocare qualcuno che finora ha avuto meno possibilità"

Redazione Hellas1903

Igor Tudor presenta in conferenza stampa la gara del Verona contro il Venezia di domani al Bentegodi.

"All'andata fu una partita rara - dice l'allenatore dell'Hellas - con due tempi diversi. Una grande rimonta, fatta fuori casa, una cosa che succede una volta ogni dieci anni. Il Venezia stava andando forte. Per la crescita di una squadra servono anche vittorie di quel tipo.

Loro sono una squadra ben costruita, con giocatori forti. Sono una formazione insidiosa e tosta. Non sarà facile, noi dovremo essere al cento per cento per far uscire le nostre qualità. Se non lo faremo, può diventare una partita brutta. Ci siamo preparati, mi aspetto che faremo bene.

Siamo sicuramente due squadre che corrono tanto. Ieri ho visto il Genoa, che ha corso tanto e ha ottenuto un punto meritatissimo. Il calcio sta andando in quella direzione, in un paio di anni saranno pochissime le squadre che non correranno a questi livelli. E chi non lo farà rimarrà ai margini.

In caso di vittoria arriveremmo a 40 punti? Sarebbe una bella cosa. C'è già la consapevolezza di avercela fatta, è difficile non fare tre punti in dodici partite. Vorrei che non cambiasse niente, vorrei che andassimo sempre al massimo, senza calcoli. Se sono andato oltre le aspettative? Uno non è che immagina o prevede. Vuole fare, e dà il meglio per farlo. Sono bei risultati e belle prestazioni, che ci fanno contenti, a me, allo staff, ai giocatori e al club. Questo è il lato positivo. Ce n'è anche uno negativo, perché la gente ci fa l'abitudine e rischi di deluderla. Non solo i tifosi, anche noi stessi. Nel calcio non si vive di passato, bisogna sempre andare avanti, altrimenti altri ti sorpassano. Non c'è da piacersi troppo. Il tifoso vive di sensazioni e di sogni, questo è normale, lo farei anch'io. A volte magari la realtà non corrisponde ai sogni, bisogna sempre andare sulle prestazioni, perché lì non si sbaglia mai. Se andiamo forte, vinciamo sempre.

Coppola? Ha buone possibilità di giocare. Ci mancano due squalificati in difesa, vediamo chi scegliere. Avrà possibilità chi magari ha avuto meno spazio finora, io sono contento per loro, li ho visti tutti bene. Veloso tornerà a metà della prossima settimana con la squadra. Ilic ha iniziato forte dopo la sosta natalizia, ha fatto uno step avanti. È un 2001 ed è titolare in Serie A, non penso ce ne siano molti così, in una squadra che se la gioca ogni domenica. Penso che sia sulla strada giusta, non deve accontentarsi e crescere ancora".

tutte le notizie di