gazzanet

Verona, attenzione all’ Empoli. È Andreazzoli l’uomo in più dei toscani

Getty Images

Lunedì gli azzurri di scena al "Bentegodi"

Giuseppe Francesco D'Amato

Prossimo avversario dell'Hellas Verona, l'Empoli è una squadra tutt'altro che da sottovalutare.

"Qualcuno ci aveva definito impresentabili", aveva tuonato a inizio mese Andreazzoli. Eppure i detrattori della formazione toscana hanno avuto di che ricredersi. Da vincente della Serie B, è tornata in A con risorse esigue, ma con il dodicesimo uomo in campo. Quello che si vede sì spesso, ma quando a vedersi è la sua mano sono dolori per tutti. L'allenatore, per capirci.

Dare un'identità alla propria squadra è un compito assai arduo. Andreazzoli ci è riuscito. Facendo anche di più. Allenatore dei toscani nela stagione 2018-2019, l'ex assistente di Spalletti ebbe la difficile missione di salvare i biancoazzurri, missione fallita all'ultima giornata per mano dell'Inter, all'ultima di Spalletti per giunta.

Dopo la sfortunata parentesi genoana, contestualmente al trionfo dei toscani con Dionisi in panchina, le strade di Andreazzoli e dell'Empoli si sono intrecciate nuovamente. Con l'obiettivo salvezza nuovamente nel mirino.

Gli spunti di riflessione sulla squadra di patron Corsi non sono certo mancati. Dallo 0-1 rifilato alla Juventus a Torino, qualcosa deve essersi mosso nella mente di chi aveva osato dare per spacciata in partenza la formazione empolese. Ma non è stato l'unico acuto, se così si può definire.

Gli Azzurri hanno già ottenuto cinque vittorie in campionato, pur con qualche comprensibile scivolone. L'attuale posizione in classifica (11 posto) riflette un campionato comunque positivo da parte di Mancuso e compagni. 4-3-1-2 o 4-3-2-1 lo stampo dato da Andreazzoli, autentico uomo in più.

Ma in questa prima fase di campionato è sembrata ambire a qualcosa di più di una salvezza.

Lunedì, i toscani affronteranno il Verona al "Bentegodi". I gialloblù sono avvisati.

tutte le notizie di