Il Napoli segna, il Verona no. 2 a 0 al San Paolo ma gialloblù gagliardi

Il Napoli segna, il Verona no. 2 a 0 al San Paolo ma gialloblù gagliardi

Decide una doppietta di Milik. Tifosi Hellas fatti entrare solo all’intervallo

di Andrea Spiazzi, @AndreaSpiazzi

Come a Torino il Verona gioca bene, mette paura all’avversario, non molla un centimetro, ma perde una gara che il Napoli vince grazie alla bravura di Milik e alle giocate dei suoi frombolieri.

L’Hellas esce a testa alta dal San Paolo, dove i suoi seicento tifosi vengono fatti entrare solo durante l’intervallo dopo 700 chilometri di viaggio e 40 euro sborsati solo per il biglietto.

Il Verona paga la scarsa propensione alla rete, in particolare degli attaccanti che continuano a non segnare, e un calo fisico nella ripresa dopo un primo tempo impressionante per carattere e corsa.

FORMAZIONI

Juric sceglie di schierare due centrocampisti dietro a Stepinski: Zaccagni e Pessina. Davanti a Silvestri ci sono Rrahmani, Kumbulla e Gunter. Il centrocampo è quello intoccabile: Faraoni, Veloso, Amrabat e Lazovic.

Ancelotti gioca col 4-4-2: Meret – Malcuit, Manolas, Koulibaly, Di Lorenzo – Callejon, Allan, Ruiz, Younes – Insigne, Milik. In panchina Mertens.

Si gioca in un San Paolo con 40 mila spettatori, sono 598 i tifosi dell’Hellas, fatti entrare dopo 45 minuti di gara. Arbitra Marco Piccinini di Forlì

PRIMO TEMPO, E’ GRAN VERONA AL SAN PAOLO

Hellas in avanti subito, Veloso batte un corner dopo due minuti. Il pressing dell’Hellas è offensivo. Al 4′ Faraoni scatta, Koulibaly, superato, lo abbatte e Piccinini estrae un sacrosanto giallo. Silvestri esce su un cross di Allan poi para sullo stesso al 9′. Il Napoli prova a comandare e ad uscire dalla morsa dei gialloblù che vanno anche in due sul portatore di palla. Gunter anticipa Callejon e salva in corner al 12′. Dall’angolo incorna Di Lorenzo, Silvestri c’è e blocca.

MERET SALVA TUTTO!

Incredibile al 18′. Lazovic parte sulla sinistra in contropiede, entrato in area mette a sedere Malcuit e defilato calcia. Meret para respingendo, Pessina di testa ha la palla del gol ma non angola e Meret para ancora, sulla sfera arriva Stepinski che trova ancora il portiere respingere con le cosce. Un minuto dopo Zaccagni rientra in dribbling sul destro e calcia sul primo palo. Meret salva ancora la sua porta che traballa. Il Verona è un rullo, il Napoli barcolla. Stepinski segna al 23′ ma l’azione è ferma per fuorigioco di Lazovic. L’Hellas domina, attacca, morde, crea. Milik chiede un rigore che non c’è, poi Di Lorenzo ci prova da fuori con palla a lato al 30′.

Il Verona ha un’intensità di gioco che è uno spettacolo, e soprattutto idee chiare. Juric strilla ai suoi. Ancelotti anche

NAPOLI IN GOL, SEGNA MILIK

Il Napoli passa al 37′ quando nessuno se lo aspetta. Ruiz è libero, a sinistra, di mettere una palla velenosa rasoterra. Milik, che è partito in corsa, anticipa Gunter e scarica in rete da due passi.

L’Hellas non ci sta, non merita il passivo in alcun modo. Stepinski viene lanciato in contropiede, va verso la porta ma si fa bruciare da un recupero di Manolas. Il Napoli vuole segnare ancora, Gunter chiude su Younes.

TIFOSI DEL VERONA BLOCCATI, ENTRANO SOLO ALL’INTERVALLO

Durante l’intervallo entrano i 600 tifosi del Verona, accolti da bordate di fischi, bloccati fino a poco prima a 30 km dal San Paolo, con in mano un biglietto da 40 euro.

SECONDO TEMPO

I tifosi si fanno sentire, il Verona riprende non abbassando il gioco né il ritmo. Ma il Napoli va vicino al raddoppio con Insigne che, servito da Milik, calcia defilato a sinistra trovando un grande Silvestri sul primo palo. Del resto, appena si concede mezzo metro agli avanti azzurri, c’è sempre il rischio gol. Juric fa scaldare Salcedo e lo inserisce al 52′ al posto di Zaccagni. Gunter prende il giallo per un fallo su Callejon. Il Napoli guadagna metri. Al 54′ Ruiz tira centrale da buona posizione e Silvestri può arrivarci, al ’58 Younes calcia sul fondo sfiorando il palo.

Al 60′ entra Di Carmine al posto di Stepinski. Rrahmani si esalta in un paio di recuperi con palla in uscita.

Ancelotti manda in campo Zielinski al posto di Younes al 65′. Faraoni è il terzo ammonito.

ANCORA MILIK, 2 A 0 NAPOLI

Dal fallo di Faraoni al 68′ Insigne batte una punizione forte e tagliata. Milik è rapidissimo, anticipa Rrahmani e Silvestri e al volo di piede insacca.

Il Verona, calato nella ripresa ma sempre combattivo, prova la reazione. Faraoni con un piatto cerca il pallonetto dal limite al 71′ con palla fuori di poco, Pessina manda a lato dalla distanza al 75′.

Al 76′ Pessina serve Di Carmine che si gira e viene murato. Dal corner Kumbulla manda fuori di testa.

Mertens rileva Insigne al 77′. Il belga centra un palo interno clamoroso all’83’ con un destro micidiale. Nel recupero Tutino e Rrahmani sfiorano il gol.

Finisce 2-0 un match con pochi rimpianti per l’Hellas. Il Napoli ha attaccanti che sanno segnare, il Verona al momento no. Per il resto i gialloblù sono stati alla pari dei blasonati avversari, e possono guardare con fiducia alla prossima col Sassuolo, venerdì al Bentegodi.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy