Sky, sanzione di 7 milioni per pratiche scorrette

Sky, sanzione di 7 milioni per pratiche scorrette

L’azienda televisiva accusata di poca chiarezza e pratica aggressiva

di Eric Sartori, @sartori_eric

Il mancato rinnovo dei diritti televisivi di Serie B e la poca chiarezza su quelli della Serie A costano caro a Sky, sanzionata per 7 milioni di euro.

L’Antitrust, infatti, ha chiuso l’istruttoria avviata nei confronti dell’azienda televisiva lo scorso agosto. Sono due le violazioni del Codice del Consumo accertate dall’Autorità nei confronti della pay tv.

Secondo quanto riportato dal comunicato emesso dall’Antitrust, Sky non ha fornito informazioni chiare e immediate sul contenuto del pacchetto Sky Calcio per la stagione 2018/2019, lasciando intendere a possibili nuovi clienti che nel pacchetto fossero incluse tutte le partite di Serie A, come avvenuto negli anni precedenti. In seguito a questo, il cliente avrebbe potuto incorrere nell’errore di pensare di vedere tutto il campionato di Serie A, assumendo una decisione che, conoscendo la reale offerta priva anche del campionato di Serie B, avrebbe potuto non prendere.

La pay tv satellitare è accusata anche di pratica aggressiva, in quanto ha esercitato un indebito condizionamento nei confronti degli abbonati a Sky Calcio, i quali non sono stati messi di fronte alla possibilità di recedere o meno da tale pacchetto senza penali. I clienti sono stati così obbligati a scegliere se mantenere il pacchetto nonostante la netta riduzione dei contenuti, oppure recedere pagando a Sky eventuali penali o sconti usufruiti.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy