gazzanet

Cancellieri bum bum! Entra e salva il Verona, 1 a 1 a Empoli

Getty Images

Grande impatto e splendido gol dell'attaccante in una gara difficile per l'Hellas

Andrea Spiazzi

È una storia bellissima quella che va in scena al Castellani. Matteo Cancellieri, il talento del Verona lanciato da Di Francesco ma poi tenuto in naftalina da Tudor, aggiusta una gara che per il Verona si era messa male, sotto per uno a zero e incredula dopo un doppio errore dal dischetto del Cholito.

Cancellieri, che entra al 60’ perché in panchina non ci sono altri, mette scompiglio, fa un assist, segna un gol meraviglioso. È l’uomo del riscatto. Personale e della squadra.

PRIMO TEMPO, VERONA IMPALPABILE, EMPOLI AVANTI

L’Hellas ha otto indisponibili e tre squalificati e la formazione è a dir poco rabberciata. Nonostante ciò, l’avvio dei gialloblù è discreto anche se manca di pericolosità negli ultimi metri.

Romagnoli fa buona guardia su Caprari, sempre il più vivace, Tameze si adatta ad esterno con sacrificio, Simeone smazza ma non gira, così Vicario dorme sonni tranquilli.

DI FRANCESCO, EMPOLI IN VANTAGGIO

Montipò, invece, nulla può sul destro di Di Francesco che chiude un’azione iniziata al 32’ da Vicario abile a rubar palla a un incerto Sutalo sulla fascia, a servire Pinamonti in area che mette l’assist per il numero 11 dell’Empoli.

Hongla, che non vedeva campo da tempo immemore, prova dalla distanza al 32’ con tiro deviato in corner. Poi è Tameze a provarci con un tiro centrale. Casale butta giù Pinamonti e viene ammonito al 35’, poi il tempo si chiude con un’azione sul fondo di Barak che va a terra ma il contatto con Bandinelli non sembra da rigore, come decide l’arbitro Mercenaro.

SECONDO TEMPO, CANCELLIERI CAMBIA IL VERONA

Nell'Empoli La Mantia prende il posto di Bajrami. L’Hellas cerca il riscatto. Tameze viene atterrato e Romagnoli ammonito. Caprari al 48’ batte la punizione dal limite che Vicario mette in corner. Il 10 gialloblù spinge e costringe Viti a spazzare.

Anche Simeone si fa pericoloso e viene stoppato all’ultimo. Bessa, invece, fatica e perde l’attimo, e la palla, in più di un’occasione.

A pesare maggiormente sono le assenze di Faraoni e Lazovic, insostituibili sulle fasce dalle quali il Verona non riesce a creare pericoli.

Tudor mette in campo Cancellieri, esce Coppola al 60’. Sutalo si abbassa nei tre.

È Caprari, sempre, a dare la qualità che serve. Un suo guizzo in area con ottimo assist di Cancellieri e Parisi lo stende, è rigore.

INCUBO CHOLITO CHE SBAGLIA DUE RIGORI

Sul dischetto va Simeone. Vicario si distende sulla sua destra e neutralizza il tiro quasi centrale. Il Var richiama l’arbitro. Bisogna calciare di nuovo perché due dell’Empoli sono entrati in area prima del tiro. El Cholito stavolta spiazza Vicario ma la palla si stampa sul palo e torna buona per Cancellieri che però di testa spedisce fuori.

CANCELLIERI! IL RISCATTO DEL TALENTO TENUTO IN NAFTALINA

Dopo l’assist per il rigore, Cancellieri fa gol. E ne fa uno dei suoi. Dalla trequarti Casale lo serve, lui si accentra e tira a giro dai 22 metri, il violento sinistro è micidiale e trafigge Vicario.

Non pago, Cancellieri semina Parisi e va sul fondo, poi va a terra. Il rigore non c’è lui si accende col difensore ed entrambi vengono ammoniti.

Il Verona però si adagia e l’Empoli sfiora il 2-1 prima con Bendinelli e ancor più con Viti che sottoporta manda alto.

Esce un evanescente Bessa all’84’ ed entra il Primavera Terracciano. Cancellieri è sempre una spina a destra per l’Empoli, che si salva in out.

Cancellieri batte alla perfezione una punizione al 90’, Barak salta e spizza la palla che finisce fuori di un niente.

Finisce 1-1, ed è una bellissima storia di riscatto.

tutte le notizie di