GOMEZ: “IL DERBY? CONTA SOLO VINCERE”

di Redazione Hellas1903

Ospite della trasmissione “Questo è il Verona” su Radio Bella e Monella, Juanito Gomez ha parlato del momento dei gialloblù e del derby col Chievo in programma domenica alle 12.30.

“L’infortunio? Sto bene, meglio rispetto a mercoledì. Sto facendo di tutto per riuscire a essere col gruppo il prima possibile. I dottori sono fiduciosi e anche io, ce la stiamo mettendo tutta e farò il possibilie per esserci domenica al derby. La partita col Chievo? La stiamo preparando bene, oggi abbiamo ricominciato dopo la sconfitta con l’Udinese. Vogliamo vincere anche per riscattare il risutato dell’andata. Siamo carichi e concentrati per preparare al meglio la gara e fare i tre punti. Non è una partita come le altre, è un derby e conta solo vincere. Prepariamo la partita per raggiungere questo obiettivo. Il trentennale? Il Verona ha una storia molto importante, tutta la gente ci fa capire quanta importanza abbia lo scudetto dell’85. I miei inizi? Sono partito da solo dall’Argentina con la speranza di giocare un giorno nel calcio che conta. Non conoscevo nessuno, nè la cultura nè la lingua italiana. Sono arrivato al Verona dal Bellaria, per me era un sogno, ma all’inizio ho trovato delle difficoltà per crearmi spazio. E’ stata dura andare via da Verona, però sono riuscito a esprimermi bene a Gubbio dove abbiamo vinto due campionati di fila. Poi sono tornato, anche se all’inizio non credevo che sarei rimasto, vista l’esperienza precedente. Il gol alla Juve dello scorso anno? Un’emozione incredibile, lo stadio che esplode, non capivo nulla in quel momento. Non lo dimenticherò mai”.

“Abbiamo rispetto per il Chievo, che fa la Serie A da tanti anni ed è una squadra molto organizzata. E’ molto difficile fargli gol, ma cercheremo in tutti i modi di segnare per fare i tre punti. Il rapporto col mister? E’ ottimo. Se sono qua devo ringraziare anche lui. Come dicevo prima, quando sono tornato dal Gubbio non pensavo di rimanere, ma è stato lui insieme al presidente Martinelli a convincermi che qui avremmo fatto delle cose belle e così è stato. Sono quattro anni che facciamo cose importanti con il Verona, sono molto contento per questo e lo ringrazio”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy