HALLFREDSSON: “VERONA CASA MIA. MIO PAPA’ SEMPRE NEL CUORE”

HALLFREDSSON: “VERONA CASA MIA. MIO PAPA’ SEMPRE NEL CUORE”

Emil: “Qui sto benissimo. Obiettivo salvezza, poi proveremo a sognare”

di Redazione Hellas1903

Lunga intervista rilasciata da Emil Hallfredsson al magazine ufficiale dell'Hellas, oggi in uscita in edicola, ripresa dal Corriere di Verona.

Il giocatore islandese dice: "Il nostro obiettivo deve essere conquistare il prima possibile 40 punti e poi sognare, che non costa nulla. Anche perché questa è una squadra e un gruppo forte. Non è assolutamente inferiore a quella dell’anno scorso, anzi, secondo me è addirittura meglio".

Prosegue Emil, parlando della permanenza a Verona e del nuovo contratto con scadenza nel 2017 e il ruolo di sua moglie, Maria, e del figlio Emanuel per decidere di restare: "Sono stati determinanti. Emanuel, mi ha detto: «Papà, tu devi rimanere a Verona». A parte gli scherzi lui è contentissimo, è nato e cresciuto e va a scuola qui. Diciamo che ho un figlio veronese, ed è bellissimo. Rimanere è la scelta giusta anche per la mia famiglia, loro mi seguirebbero ovunque, ma non ce n’è bisogno, non ci muoviamo. La verità è che qui ci sentiamo a casa".

E poi c'è il toccante ricordo di papà Hallfredour, scomparso pochi mesi fa: "Ho perso il mio migliore amico. Gli devo tutto, se oggi sono dove sono e sono la persona che sono, lo devo a lui. Lo ringrazierò per sempre, come ho voluto ringraziare tutte le persone che mi sono state vicine. Mio papà mi ha insegnato tanto in questa vita, soprattutto a ridere. Mi ha sempre detto di godermi ogni giorno come se fosse l’ultimo. Io voglio ricordarlo così, con il sorriso".

MATTEO FONTANA

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy