Juric: “Abbiamo la miglior difesa? Mai dirlo, porta molta sfiga. Con la Juve cercando di colpirli”

Il mister del Verona: “Dobbiamo diventare più concreti e sbagliare meno nell’ultimo passaggio”

di Redazione Hellas1903

Ivan Juric parla in conferenza stampa prima della sfida tra Juventus e Verona di domenica sera.

Queste le sue dichiarazioni:

“Non voglio tornare su argomenti che riguardano il mercato. Io faccio il meglio che posso e basta. Barak è tornato negativo. Domani si allena col gruppo e vedremo se sarà utilizzabile. Veloso invece non potrà esserci a Torino. Non so chi posso recuperare degli altri.

Abbiamo una delle migliori difese d’Europa? Queste cose non si dicono mai perchè portano una sfiga tremenda. La difesa ha lavorato bene ma ci è andata anche bene, a parte col Genoa dove abbiamo fatto veramente una bella gara. A Torino giocheranno gli stessi tre centrali. Scenderanno in campo, poi Vieira, Tameze e Ilic. A sinistra giocherà Lazovic, per dargli continuità. Favilli o Di Carmine? Non lo so ancora.

Kalinic? Lavora e si impegna, ma per attaccanti così ci vuole ancora un po’ di tempo, non è pronto per partire dall’inizio. Non ha il posto regalato, ci sono altri attaccanti.

Scordiamoci dello scorso anno. Non ho fatto il ritiro. Per me è come fare delle amichevoli di avvicinamento alla migliore forma. Siamo in fase di costruzione e non è facile mettere assieme questa varietà di giocatori. Non ho avuto il tempo di lavorare poi, finora, su alcuni particolari. Per me è una situazione nuova anche se sono molto contento di come abbiamo iniziato il campionato.

Gli avversari ci conoscono ormai? Non sono d’accordo. Noi siamo tutta un’altra squadra rispetto allo scorso anno. Inoltre lo scorso anno avevamo un calcio in cui dominavamo l’avversario. Oggi siamo meno veloci e non siamo ancora in grado di farlo.

Dei giovani sono veramente contento, hanno risposto bene. Quando li chiamo bambini è perchè loro hanno bisogno di crescere sotto molti punti di vista.

Abbiamo uno stile di gioco definito, ora ripartiamo con questa idea: affrontare la Juve per cercare di far loro male. Dobbiamo diventare più concreti e sbagliare meno nell’ultimo passaggio per riuscire a segnare più gol.

Pirlo ha fatto un grande calcio, lo hanno scelto conoscendolo molto bene”.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy