Juric: “Cerchiamo di mettere ogni volta un pezzo in più. Pazzini sta bene, è un giocatore top”

Juric: “Cerchiamo di mettere ogni volta un pezzo in più. Pazzini sta bene, è un giocatore top”

Il tecnico del Verona: “Dopo l’espulsione potevamo fare meglio. I nostri giocatori presi con logica, bel lavoro di D’Amico”

di Redazione Hellas1903

Ivan Juric ha commentato ai microfoni di Sky Sport la vittoria contro la Spal. Queste le dichiarazioni dell’allenatore dell’Hellas:

“Tre settimane di sosta sono tante. Siamo partiti con tanta voglia di dimostrare che stiamo bene, poi dopo l’espulsione è diventata una partita diversa dove potevamo fare meglio. Potevamo chiudere la partita prima, ma penso che i ragazzi siano stati bravissimi”.

Su Pazzini: “Ha fatto una partita stupenda, a livello di giocatore, nel difendere e nel far giocare bene gli altri. Ha fatto gol, ha avuto occasioni di fare gol. Ha fatto la partita che mi aspettavo, grande Pazzo. Il ragazzo è top, ma veramente top. Io penso che lui negli ultimi anni si sia gestito, non spingendo al massimo degli allenamenti, e adesso abbiamo fatto un programma dove non si allena tutti i giorni, lo fa diverso, e sta meglio. Era anche logico farlo giocare”.

“Il miglioramento rispetto a inizio stagione? Cerchiamo di mettere ogni volta un pezzo in più. Prima la concretezza, la semplicità, ora cerchiamo di lavorare per aumentare le soluzioni in attacco senza perdere l’equilibrio. Questa è l’idea degli ultimi mesi”.

Sulla squadra: “Volevo prendere giocatori che conoscevo e che sapevo che potevano fare ancora tanto. Arrivavano da stagioni nelle quali non si erano espressi bene. E a questi abbiamo aggiunto ragazzi dalla B come Verre, che il nostro direttore sportivo Tony D’Amico conosceva bene e che pensava potessero fare bene in A, oppure dall’estero come Rrahmani e Amrabat. Non potevamo permetterci grandi cose, non potevamo competere con gli altri, sono tutte scelte logiche e penso che Tony D’Amico abbia fatto un bel lavoro”.

“Genoa? Nessuna rivincita, loro mi hanno trattato bene anche quando facevo male. Penso che negli ultimi due anni non ho fatto bene, non ero sereno e ero troppo coinvolto emotivamente, ho fatto tanti errori di giudizio in cose che potevo fare meglio. Ho passato nove anni lì, sono tanti”.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy