LE PAGELLE, FORZA D’URTO TONI, MORAS SALVA TUTTO

di Redazione Hellas1903

 
RAFAEL 5,5
Sorpreso dal campanile acrobatico di Pellissier che Paloschi trasforma nel gol dell’1-0. E in alcune situazioni, nel secondo tempo, mostra insicurezze. Poco ci manca che non arrivi a parare il rigore del pari.
 
PISANO 6,5
Grande attenzione difensiva, non sale spesso ma è decisivo con almeno tre diagonali ben eseguite. Fondamentale la sua deviazioni sul tiro di Botta che poco ci manca non diventa la rete affonda-Verona.
 
MORAS 7
Pellissier gli sale sopra per l’assist a Paloschi, e l’Hellas va sotto. Ma è l’unica sfasatura di una prova d’eccellenza, con due salvataggi che tolgono il  Verona dai guai. Primo a impostare l’azione e a dettare la manovra.
 
RODRIGUEZ 5
In ritardo sul gol di Paloschi, che colpisce da solo in area piccolo. Ed è goffo nell’intervento su Pellissier che porta al rigore del 2-2.
 
AGOSTINI 5,5
Accusa più di altri il caldo che intrappola il Bentegodi. Comincia con diligenza, ma nella ripresa si scioglie e il Chievo attacca con il pedale abbassato dalla sua parte.
 
OBBADI 6
Inizio difficoltoso, crescita costante di minuto in minuto. Quando il Verona soffre, arroccato dietro, porta fuori dalla metà campo gialloblù palloni che bruciano.
 
TACHTSIDIS 6
Gioca con il fisico, e intercetta traiettorie acrobatiche vaganti, permettendo all’Hellas di non farsi schiacciare troppo. Poco preciso nel tocco.
 
HALLFREDSSON 6
Viene da un mese out e si vede: il passo è lento e il clima afoso fa il resto, per lui che lo patisce. Ma sono i suoi traccianti su calcio piazzato a lanciare in gol per due volte il Verona. Quando non ne ha più sparisce e Mandorlini lo cambia.
 
JANKOVIC 6
Subito testa a testa (e non per modo di dire) con Hetemaj, prende l’ammonizione che lo mette sul chi va là. Si spende molto in copertura, poco si nota in avanti, eppure serve a Toni la palla respinta dalla traversa che il 3-2 al Verona.
 
TONI 7
E sono 19. Lotta tra Dainelli  e Cesar, e non è facile sbattersi pressoché da solo nel marasma di una difesa bunker. Gol di impressionante strapotenza, con una spaccata che esalta. E non fosse per quella traversa sarebbe ancora più leggenda.
 
GOMEZ 6,5
La gamba dura per un tempo, quanto basta per rimettere in piedi i derby con un colpo di testa – deviato – che conferma la naturale tendenza che ha al tempismo e all’intuito. Regge fino ad un esaurimento batterie.
 
 
CAMPANHARO 5
Entra male e sbaglia tutto lo sbagliabile. Mandorlini va su tutte le furie e lo toglie.
 
VALOTI  6
Pulito, poco appariscente.
 
NICO LOPEZ ng
 
MANDORLINI 6
Il Chievo appare maggiormente organizzato e ha, ancor di più, ha il serbatoio pieno, mentre il Verona ha meno risorse. L’Hellas, tuttavia, ha carattere coriaceo e tira fuori attributi e gol. Il secondo tempo è un patema: evitati guai peggiori.
 
MATTEO FONTANA
 
 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy