Pagelle, è un Verona balneare. Tutti bocciati

Pagelle, è un Verona balneare. Tutti bocciati

Hellas già in spiaggia. Sconfitta severa, peccato: si poteva chiudere meglio

di Matteo Fontana, @teofontana

RADUNOVIC 5

 

Come ampiamente anticipato, in porta c’è lui, “secondo” per l’intera stagione di uno dei migliori interpreti del ruolo in questa Serie A, Marco Silvestri. Viene bucato a ripetizione dai genoani.

 

RRAHMANI 5,5

Lascia l’Hellas con questa partita, prima dell’effettivo passaggio al Napoli. Peccato che lo faccia in questa maniera ben poco decorosa, dopo un’annata del genere

 

GUNTER 4,5

Un ex a mezza strada, visto che il suo cartellino è in bilico tra riscatto e controriscatto, con il Verona che vuole rilevarlo per intero dal Genoa. Pressoché assente, si dimentica Sanabria, che va a nozze sui suoi svarioni e segna un’agevole doppietta.

 

DIMARCO 5,5

Schierato ancora nei tre della linea difensiva, dopo la partita con la Spal, nella linea difensiva è quello che fa meno peggio. In tanti scappano via, tra gli attivissimi del Genoa: non li può contenere, se salta l’organizzazione di squadra.

 

FARAONI 5,5

Torna a correre sulla fascia destra, ma lo fa a scartamento molto lento. Il Genoa va troppo veloce e lui, francamente, ha dato tutto quello che aveva. Non ha potuto dare di più

 

AMRABAT 5,5

Saluta il Verona. Da domani sarà, di fatto, un giocatore della Fiorentina. Cerca di lottare, ma il campo non glielo consente, con un Hellas tanto mogio. Almeno ci prova, e con una squadra che ha già staccato non si può dare di più. Evitabile, però, il cartellino rosso finale, che sconterà con la Fiorentina.

 

VELOSO 5

Nel Genoa ha giocato a lungo. Le malelingue hanno voluto ricordare il suo matrimonio con Paola Preziosi, figlia di Enrico, come un presunto condizionamento nella gara. Non è di certo così, ma la sua serata è balorda tanto quanto quella di tutto il Verona.

 

LAZOVIC 5

Sempre a proposito di ex genoani. Lasciato il Grifone, al Verona ha mostrato cose meravigliosi, tra assist e gol. Stavolta non ne becca molte, anzi: quasi nessuna.

 

PESSINA 5,5

 

Per Ivan Juric non si può immaginare il prossimo Hellas senza di lui. Di certo quanto si vede al Ferraris nulla c’entra con il resto della sua eccellente annata, ma il giudizio va dato per quel che è la serata, del tutto negativa. Ma a preoccupare è, soprattutto, l’infortunio che lo costringe a uscire alla fine di un malinconico primo tempo.

 

EYSSERIC 5

Nuova chance dal via, dopo la prestazione modesta con la Lazio e quella, decisamente più convincente, con la Spal. Si muove senza idee, in realtà, e non aggiunge nulla a uno schieramento già del tutto appagato.

 

DI CARMINE 5

Capocannoniere del Verona, dopo la doppietta con la Spal è sempre lui il titolare. Si sbatte per quanto gli è consentito dalla scarsa verve dell’Hellas a Genova, ma di palloni ne piglia pochissimi.

 

PAZZINI 5,5

Prova a trovare il gol numero 200 tra i professionisti. Invano.

 

BORINI 5,5

Si vede in dissolvenza.

 

SALCEDO ng

 

JURIC 5

Che l’Hellas fosse già sereno e a mente libera è cosa assodata. Però un tempo in cui si beccano tre gol del tutto evitabili non può essere accettato a cuor leggero. Il primo a saperlo è lui, combattente vero che chiedeva di più al Verona anche nella serata dei saluti. Ma il clima balneare si è visto, eccome.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy