Verona, Pecchia prepara il doppio modulo

Verona, Pecchia prepara il doppio modulo

Dal 4-3-3 al 4-2-3-1, le idee del nuovo tecnico dell’Hellas

Assetto variabile per l’Hellas.

Fabio Pecchia lo sta già preparando, mentre il ds del Verona, Filippo Fusco, è al lavoro per allestire una rosa che possa interpretare le idee del nuovo tecnico nella maniera più naturale.

Dal 4-3-3, modulo che Pecchia ha applicato nelle precedenti esperienze da allenatore, a Gubbio e a Latina (doppio esonero, il primo in seguito ai risultati negativi, il secondo indecifrabile), al 4-2-3-1, soluzione studiata negli anni da “vice” di Rafa Benitez, che di quest’impostazione ha fatto un riferimento stabile per il proprio calcio.

Pecchia sarà presentato ufficialmente nella sede dell’Hellas, in via Belgio, martedì prossimo, 21 giugno, alle 15. Darà le prime indicazioni sul proprio “credo”, ma le certezze che già ci sono è che il Verona, essendo stato impostato in questi anni secondo il 4-3-3, da lì potrà ripartire.

Il 4-2-3-1 sarà l’altra via, un marchio di fabbrica su cui Pecchia si metterà all’opera nel ritiro di Racines, nella sua “appendice” a Storo, e per luglio e agosto, fino al debutto in Coppa Italia e al via del campionato di Serie B.

Il tridente di Pecchia sarà diverso da quello che Andrea Mandorlini ha impiegato nelle sue stagioni in A con il Verona (soprattutto per quanto riguarda le due e, quasi, mezza in A): esterni votati a “entrare” nel campo, più che chiamati a indietreggiare, questo uno degli spunti del nuovo tecnico dell’Hellas.

La certezza che c’è, intanto, è relativa alla linea difensiva: rigoroso schieramento a quattro, in assonanza con il passato del Verona e con le convinzioni dello stesso Pecchia.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy