Juric: “Ibra? Non me lo aspettavo così fresco. Lo marcherà…”

L’allenatore del Verona: “Elezioni in Usa? Spero venga rispettato il voto del popolo”

di Redazione Hellas1903

Ivan Juric parla in conferenza stampa del prossimo impegno del Verona in casa Milan. Queste le sue dichiarazioni.

“Finora abbiamo avuto, come gioco, alti e bassi. Kalinic e Barak hanno alzato il livello tecnico in attacco. Loro stanno iniziando a far vedere qualcosa, devono avere continuità.

Come metodo di lavoro è saltato tutto. Alleniamo giocatori che sono in condizioni fisiche molto diverse tra loro. Speriamo di uscire da questa situazione. La sensazione è che siamo forti, ma dobbiamo allenarci in maniera dura e in questo momento non possiamo farlo. Col Benevento abbiamo fatto mezzora male, ma anche cose buone, come le azioni dei gol. Fa parte della crescita.

Siamo una squadra giovane? Io li alleno tutti ugualmente. Ibrahimovic? Ha sorpreso tutti, credo. Gioca a grandissimi livelli, con intelligenza e qualità, non me lo aspettavo ancora così bello fresco. Fa ancora la differenza, anche nello spirito. Il Milan corre tantissimo, fa un sacco di chilometri in campo ed è molto veloce, fa un gioco molto moderno.

Setti mi ha convinto in quello che ha detto? Non si tratta di accontentare me, ma di cambiare la storia di una società. Lui ha ragione, vuole essere puntuale nei pagamenti e ci sono preoccupazioni economiche per il periodo del Covid che stiamo vivendo. Certo non siamo all’altezza di altre squadre. Avendo avuto dei buoni incassi, credevo andasse diversamente, tutto qua, ma lo capisco.

Colley sta bene, finalmente. Lui ha grandi qualità. Chi marca Ibra? Magnani o Lovato, uno dei due sarà nella sua zona. Ho più opzioni, ha recuperato anche Cetin che ha fatto una buona settimana di allenamento.

Se sto seguendo le presidenziali negli USA? Sì, spero che finisca bene, in maniera democratica, cioè che sia rispettato il voto del popolo”.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy